Stasera a Valle Giulia Lectio Magistralis

5 11 2008


Mercoledì 5 novembre ore 18.30,
facoltà occupata di Architettura di Roma “La Sapienza”

Johnny Palomba
in
Lectio Magistralis

storia dell’architettura delle recinzioni
ingresso libero, partecipativo, ondivago e anomalo.

Facoltà occupata di Architettura
Via Gramsci, 53

L’Onda anomala prepara la grande mareggiata!

Roma. A Valle Giulia gli studenti in occupazione permanente attendono l’arrivo del premio Nobel Dario Fo e del regista Mario Monicelli. Nella facoltà di via Antonio Gramsci, la «didattica occupa le aule»: martedì, alle 20.30, Rosario Gigli parlerà di «Architettura: formazione universitaria e mondo del lavoro a confronto». Mercoledì reading di Johnny Palomba dalle 18.30 fino alle 20, poi si proietterà il film «Rosso Malpelo», presente il regista Pasquale Scimeca. Mentre giovedì arriverà, a Valle Giulia, il regista Marco Bellocchio (alle 22). E, venerdì, incontro con Massimiliano Fuksas: «La prima settimana di lezioni no stop – conferma Pino Bova, studente di Architettura – ha avuto un grande successo ». I ragazzi dell’Onda dedicano poi la domenica alle lezioni con i bambini: il 9, tornano a Fisica gli esperimenti per i più piccoli e, a Valle Giulia, porte aperte per le famiglie.
Fin qui la protesta creativa. L’Onda anomala, però, si sta preparando al corteo e all’assemblea nazionale dell’università (www.ateneinrivolta.org): «Per quanto riguarda il movimento universitario e studentesco – si legge in una nota – riteniamo fondamentale costruire al meglio le giornate del 7 novembre e del 14: per un verso la mobilitazione dislocata, città per città, per l’altro la grande manifestazione nazionale a Roma». Chi arriverà nella Capitale dagli altri atenei italiani, per l’assemblea del 15 e 16 novembre, troverà accoglienza nelle facoltà occupate: «Non ci sarà il deflusso delle mobilitazioni, è inutile prendere tempo – afferma Giorgio Sestili, studente di Fisica –. Quando si getta acqua su un’Onda questa non può che crescere». Il Coordinamento dei Collettivi sta anche pensando ad un «piano della mobilità per l’arrivo degli studenti». Non mancheranno, poi, i cortei a sorpresa: «Ci sembra questa l’occasione – dice Francesco Raparelli, dottorando in Filosofia – per promuovere uno sciopero generale “coordinato e continuativo” che, categoria per categoria, blocchi il Paese».

Annunci

Azioni

Information

One response

6 11 2008
krusty

vurvia…sei annata all’incontro drento all’università okkupata?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: