Josè Stacachara

19 10 2015

Josè Stacachara canta “Save it for you” – Palomba Spritz | ROMA RADIO

Si cambia: le polemiche sui presunti plagi di Josè Stacachara hanno spinto il nostro cantautore preferito a esibirsi in una lingua diversa. Un inedito in inglese. Ah, se la riconosci… “tiettelo pe’ te”.
 





inTRIPPMENT – La Serie – Ep #1

18 04 2013

inTRIPPMENT – La Serie
Episodio #1
con Michele Alhaique
musiche di Pasquale Catalano

http://www.fandango.it





Recinzione “007 Skyfall”

9 12 2012

zerozzerosette scaifoll

 

“LA SPIA CHE T’ARAVA”

 

534625_10151273479632349_1782087281_ncestà zerozzerosette che è diventato un coatto teribbile chenfatti lui sta tutto scoiionato embriaco sunisoletta mapperò poi ungiorno na vecchia rifattona lo chiama de novo a lavorà e ie dice te sei popo che ncoatto teribbile mapperò sei sempre laggente zerozzerosette emmò te devi rimette allavorà mortacci tua! allora poi infatti ercoatto deve annà a sconfigge solange che è uno cattivissimo che affatto na cosa oribbile e morto terroristica chenfatti solange è ummago dercompiute enfatti mette tutte le foto delle spie su feisbuc e allora succede la caciara mondiale eallora laggente coatto umpo’ sconfigge solange umpo’ no eppoi se scopre che solange encazzato come umpuma co’ la tardona rifattona e la vò uccide poi succede na cosa teribbile cuasi impossibbile da raccontà chenfatti laggente zerozzerosette  va arbar e dice alla barista: a cosa famme ummartini aggitato no scecherato. fatto? ecco brava mò buttalo arcesso e damme na bira che me so rotto li cojoni de beve sta frociata. maché davero? eallora poi se scopre che ercoatto era abbruzzese evvanno tipo a campo imperatore accasa sua lui la tardona e solange affà nabbattaia teribbile e laggente zerozzerosette vince a solange ie rifanno le mesc e la tardona stira finarmente le zampe.

 

minonna lo dice sempre: zerozerosette laggente stanno male.

 

seinovembredumiledoddici

(Adriano, 21.30, sala 4 laterale, con una spia)





“la città che vorei”

8 12 2012

jp-controluceLa citta che vorrei è na città

La città che vorei è na città dove così cuanno me va e me renno conto de sognà troppo posso girà in bicicletta senza dové pé forza morì, che dimolo da cittadino è na cosa spiacevole

La città che io vorei è na città dove pé annà da umposto anantro puoi prende na cosa che va sottotera chevvà veloce e se chiama metro che va. Che va addirittura anche dopo tre giorni che lanno inaugurata

La città che sogno e me basta davero poco nunè piena de regazzetti che cianno tanta nostalgia de certi tempi cupi e neri troppo neri.

La città che vorei cià un sindaco che è un signore che cuarche vorta addirittura dice “scusate me so sbaiiato” e noi ie volemo bene lostesso

Na città indove arcomune si è tutti amici tutti solidali. Non tutti parenti.

Io vojo na città indove ce ponno sta tutti tranquillamente indove un campo nomadi nunè umposto da sgomberà facendo le foto facendom un filmino che manco gobbels.

La città che vorei è na città solare piena de luce soprattutto de notte pé nun esse costretti de andà a tentoni

Na città indove se voi annà a scià vai ar terminillo, no a ostia

Io vorei na città indove i palazzinari tutta sta grande voia de cemento la mettono pé ricoprì le buche. Te limmaggini che cubbature?

Io vorei na città coi ruoli definiti i piccioni che fanno i piccioni i gatti che fanno i gatti i sorci che fanno i sorci e ersindaco che fa ersindaco

Io vorei na città dove cestà un posto fori dalla città dove buttà la monnezza e non quelle discariche in pieno centro che se chiamano casapaund

La mia città ideale è na città indove inunabbella giornata de sole me siedo su na scalinata e me magno erpanino colla frittata che mesò portato da casa

Vorei na città dove chiunque vole manifestà lo può fa perché ortre a esse na città a me manno detto sta cosa che però nun sò se è vera che sta città è pure na capitale e perché pé bloccà roma ce vole morto ma morto meno che un corteo. Basta buttà pé strada un bicchiere d’acqua

Vorei na città indove la monnezza la raccorgono non i volontari no ersindaco in perzona ma addirittura penzate un po’na nova figura rivoluzzionara, lo spazzino

Vorei vive inuna città dove pé sentimme nellanni settanta me vedo roma a mano armata a casa ne divudì no pé strada cuanno esco.

La città che vorei è na città dove se devi mannà tu fiio allasilo nido nun devi pefforza chiamà erode a libberatte i posti

Vorrei na città dove nuncestà lemergenza cirminalità lemergenza freddo lemergenza camorra lemergenza tiepido lemergenza emergenza lemergenza sindaco lemergenza sale lemergenza zanzare lemergenza foiie lemergenza caccadecane lemergenza formula uno lemergenza tevere lemergenza machinette lemergenza gabbiani lemergenza amico denfanzia fascio e improponibile che ioddovuto pefforza daullavoro arcomune lemergenza movida lemergenza vecchi lemergenza giovani lemergenza inventamose nemergenza perché cuanno cè lemergenza se vede che semio dinamici mica incapaci.

Io vorei vive drento a nacittà che se chiamava Roma

E pemmé la città ideale è na citta normale dove presempio cuanno piove è perché piove. cioè che praticamente casca l’acqua e nunè che sta a arivà un tifone nuragano no zunami. È pioggia. E è anche bello vive inuna città indove piove come in tutte le città.

Per nun parlà de cuanno nevica.

(dalla pagina fb di Johnny Palomba)





Brancolo fra le stelle

10 12 2011

l’oroscopo senza filtro, settimana 10 – 16 dicembre 2011

ariete

non va

toro

avete il problema di giravi

gemelli

più larghi

cancro (Aragosta)

occhio alla diagonale

leone

senza l’anticipo siete fregati

vergine

panca

bilancia

andate a scaldarvi

scorpione

troppo schiacciati

sagittario

siete in un fazzoletto

capricorno

giallo in arrivo

acquario

andate a bere un tè caldo

pesci

non mangerete il panettone





Buone Feste

22 12 2010




@Circolo degli artisti

17 12 2010

Palomba natalizio al Circolo degli artisti
Via Casilina vecchia, 42 Roma
Domenica 19 dicembre 2010 ore 21.00