Recinzione “The Horde”

20 09 2010

Fandango presenta giovedì 30 settembre presso il Circolo degli artisti alle ore 21.30 ZOMBIEFEST in occasione dell’uscita nelle sale del film THE HORDE di YANNICK DAHAN e BENJAMIN ROCHER.

Sinossi: Nella banlieue parigina, quattro poliziotti corrotti decidono di vendicare un amico assassinato da terribili delinquenti che si rinchiudono in un edificio popolare abbandonato. Appena giunti sul posto, la vendetta personale dei poliziotti si trasforma in un incubo. Intrappolati dal nemico, si aspettano di venire uccisi da un momento all’altro, quando accade l’impensabile: orde di creature sanguinarie assediano il palazzo e li attaccano con rara violenza. Rifugiati sul tetto, i sopravvissuti scoprono sbigottiti che il mondo è piombato nel caos. Centinaia di cadaveri formano una massa informe nelle strade che si estende fino all’orizzonte, rivelando una capitale incendiata. Soli e feriti, nutriti da un odio reciproco, poliziotti e malviventi non hanno altra scelta che unire le forze e tentare di sopravvivere. Li attendono 13 esigui piani devastati. 13 piani invasi da creature voraci! Ma la minaccia più grave non è quella che si crede…

La recinzione di Johnny Palomba:

Annunci




Recinzione “L’uomo nell’ombra”

30 04 2010


lomonellombra

“CARO AMBIGUO TI SCRIVO”


chenfatti cestà umpischello umpò scrivitore e umpo’ federichiomoccia che lo chiameno perché infatti deve scrive popo che la biologgia de ercapo dellinghirtera eallora però lomanneno cortraghetto tipo attorvaianica eallora infatti scopre unzacco dempicci dentrighi intrighissimi che sesà attorvaianica succedeno sempre e allora lui sepenza incuer piccolo spazzio checcè trassé essé: ma io me credevo de scrive tipo scusa ma te voiio governare envece mò cuà èncasino io nuncelafaccio io sò moccia mica prust eppoi allora infatti nerdubbio pé nusbaiasse sammucchia cò veronichialario eppoi fa tutto nindagginamento e scopre tutto ma popo tutto. mappoiperò oricoprono.
micuggino ascritto ullibbro su legrannissime imprese degasparri. purtroppo erlibbro è più corto dertitolo.

seddiciapiledumileddieci
(Metropolitan sala 1, 20.15, in alto a sinistra, con tre first ladies)





Recinzione “Basilicata coast to coast”

22 04 2010


basillicatacostucos

“AFFETTE NA SETTIMANA
NELLA LANDA LUCANA”


chenfatti cestanno cuattro rincoiioniti che soneno che ancerto momento decideno de attraversà na tera misteriosa misteriosissima servaggia e sconnosciuta che manco labbruzzo natera che nessuno sà che esiste però esiste ma dimolo morto francamente che abbasillicata pé esse convinti che esiste bisogna avecce morta fede chenfatti loro deveno annà assonà tipo arfestival derpesce fracico eallora cammineno cammineno encontreno naggiornalistica che urla come uncammionista e poi na regazzetta ammucchiona dii cavalieri misteriosi eppoi incontreno dei posti che uno dice maaa numpoesse! manco in basillicata! eppoi cianno tutti dellavventure ealla fine fanno erconcerto ma nessuno ie tira gnente eppoi cè urregazzetto che numparla mai che sepenza trassé essé: averità dimola è che nun ciò popo uncazzo dadì.
sto firm mè piaciuto ammè ma pure arrenzobossi caddetto famo erremeic nordarolo: lombardia costucos!


novapiledumileddieci
(Warner Moderno, anteprima a inviti, in sala il Mister)





Recinzione “E’ complicato”

20 04 2010



èccompricato


“SE SEI TARDA E UMPO’ ANNOIATA
FATTE NA ZUPPA RISCARDATA”

chenfatti cestà na tardona che sevò ammucchià ma nu selapiia nessuno eallora sepenza famme scongelà cuarcosa eallora infatti sammucchia collecz marito tardone che sta co na fotomodella rompicoioni eallora lui sengarella della tardona però poi atardona ce ripenza e ie dice sì poi no poi sì poi no eppoi ie dice ar marito ma perché sò meiio io della fotomodella e ermarito ie risponne bè dopo tanto caviale volevo umpo’ depane e mortazza dopo tanto cascimir volevo sentì erbrivido dellacrilico zozzone dopo tanta lingerì volevo umpo’ depiggiamone de flanella dopo tanto… e la babbiona ie dice sì occapito dopo tanta dorcezza vaffanculo.
dopo tanti anni de divorzio mizzìa arincontrato mizzìo. là corcato.


ventugnom’arzodumileddieci
(Novo Olimpia, 19.00, sala A centrale. Con una fotomodella)





Recinzione “Lourdes”

25 02 2010


Lurz

“DELLA GRAZZIA NUN S0’ MAI SAZZIA”

cestà napischella pigra che sta sempre seduta chenfatti va a lurz cò lamichetti eallora lei se fà stavacanza eppoi ie dicheno te piace lurz èèè? ellei ierisponne maaaa se devo popo sceiie chettedevo dì io nunsò perché ma preferischio le mardive allora poi ancerto momento lei sepenza osai checcè? mesò umpo’ rotta destà sempre seduta mesò rotta dannà ingiro cò sti rincoiioniti e cò stenfermiere zoccole osai checcè? meviè come da arzamme eallora come pé miracolo succede che tutti se stranischeno e rosicheno e dicheno numpoesse! Sta stronza voleva annà alle mardive! nunvale! allora poi semetteno abballà e come pé miracolo durante nacanzone darbano erromina la pischella se risiede.
namico mio prete iè apparza la madonna alle mardive. mò ie ce tocca annà tutti lanni.


doddicifebbrarodumileddieci
(Al festival del cinema di Venezia)






Recinzione “Baciami ancora”

20 02 2010

baciamancora

“SAVVICINA LA PENZIONE
FAMOSE NANTRO MINESTRONE”


chenfatti stofirm che sechiama popo che baciamancora perché abaciasse se vede che nunabbasta mai chenfatti cestanno certi pischelli decuarantanni che sepenzeno aregà sò passati diecianni maché cambiato? Gnente! Apparte erfatto che semio tutti sdrumati e devastati…gnente eallora cestanno tutte dee storie dammore de tradiscimenti chenfatti cè uno sposato cheppoi ceripenza ceripenza ceripenza uno che piia imprestito erfiio deuno che tanto pareva sunonno unfattone che vo annà avvive niposti esotichi tipo accapocotta urrosicone che cià la moiie umpo’ confusa empo’ mignotta eppoi tutte le moii che se li spizzano come addì eee sò ragazzi bisogna avecce pazzienza eccianno tutti dellavventure sentimentalistiche ealla fine piiano umpo’ deregazzini li metteno danaparte ettireno assorte pé spartisseli effano: dechi è sto pupo? Tuo cuestartro chi lo vole? mio questo? Lo damo argatto eppoi errosicone sepenza: vabbè ma alla fine la famiia infonno a me me piace la famiia dimolo è come umpresepe e io nullo sò perché me sento tanto daesse sangiuseppe.


E traddiecianni manno detto che sti pischelli fanno nantra rimpatriata e seritroveno tutti nelle marche affà nantro firm: baciami a ancona.


Ventottoggennarodumileddieci
(Auditorium della conciliazione, 21.00 laterale)






Recinzione “Sherlok Holmes”

16 02 2010


scerloccormz


PARLAMENTARE UOZZON


chenfatti allora inumpassato zozzone teribbile cestà uncoatto antico che se chiama popo che scerloccormz che fa appizze mezzo nudo colle ciavatte drento amposto zozzone eppoi inzieme allamichetto suo uozzon che dice daesse dottore fanno linvestigamenti pé scoprì ummistero teribbile chenfatti cestà uno umpo’mago umpo’ sòla che vole diventà campione dinghirtera chenfatti però sceroccormz fà tutti dii raggionamenti incredibbili e riesce accapì tutto tipo che uno puzza ellui ie dice ammé mesà chennuntesei lavato stamatina è? oppure dalla sola presenza densorcio riesce accapì daesse drento umposto demmerda eppoi alla fine a uozzon ie dice: nuntengarellà mai denadonna ammè mannomesso solo nei casini atté te manneno pé stracci ellaora uozzon ie dice ecché vordì? elementare uozzon: ciavemo le chiappe mpo’ chiaccherate.


cuinniciggenarodumileddieci
(Adriano sala 7, 20.15 centrale. Un frigorifero)