Recinzione “Guerre stellari – il risveglio della forza”

22 02 2016

Schermata 2016-02-22 alle 15.32.34gueresperlari errisvejodaaforza

Inuna galassa infrattata inunposto infame er lato scuro dei pezzi demmerda è come la peperonata de nonna. se ripropone sempre e nummore mai e allora infatti cestà naspiraporvere che scappa co dentro un pezzetto de tuttocittà che i cattivi se lo vonno pià perché nun sanno ndo sta tipo viadebbravetta eallora staspiraporvere ariva tipo inumposto servaggio e deserticissimo pieno de povertà e de miseria mesà in molise e se lo accatta na pischella caruccia che faceva errubbivecchi allastronavi pe magnasse i quattro salti in padella galattici allora poi la pischella incontra uregazzetto der lato oscuro vestito de bianco chepperò è nero che je dice capisci bene che io so confuso e allora la pischella e erregazzetto scappeno e vanno sunastronave fiat der settantasette che se scopre daesse de indiana gions e dello spinone suo. allora poi succedeno le battaie spaziali perché er lato oscuro sé inventato un forno a microonde teribbile e la pischella caruccia capisce che dentro de se stessa ce stà umpo’ de giucas casella e poi mentre che i boni stanno a vince indiana gions incontra erfiio darchettone che ie dice a papà tu pensavi davé cresciuto un fiio bravo unfiio bono ma io te lo devo dì. me faccio le spade. poi la pischella caruccia piia na nave e va a trovà un frate.

micuggino sceje sempre er lato oscuro. dice che se dorme mejo.

Annunci




Recinzione “Guerre stellari”

19 01 2009

gueresperlari avendetta daasip

Gueresperlari avendetta daasip

“NELLO SPAZZIO DRENTO A STE CORAZZE, MACCOME VUOI CHE VADA? NUN C’E’ BENE, GRAZIE”

Chenfatti ancora nunsecapisce bene seccuesto firm è erpimio erseconno lottavio chenfatti noospazzio lorologgi sorotti e laggente dimolo pure fà umpò come iepare chenfatti cestanno uregazzetto stranito e fratecionfoli che sò i guerieri me pare de rieti che combattono collespade daabeghelli allora loro sobboni mappoi però eregazzetto ancerto momento sesente umpò fiiodenamignottaspazziale mannò tantissimo allora infatti poi cestanno lebattaiie teribbili e cionfoli ie dice a eregazzetto stranito come te senti? e eregazzetto ie dice tu me conosci danaspetto solo ma io sò umpezzo demmerda io mò te lodichio che navorta offatto napuzza sullascenzore teribbile chenfatti perché seconno te ernano è verde? allora fratecionfoli ie dice no! maché davero? sei popo unfiiodenamignottaspazziale! maspettavo detutto daté che potevi pure diventà frocio mannò daalazzio afiiodenamignottaspazziale! maché davero? allora poi succedono lelotte spazziali e eregazzetto stranito prima lofanno alla piastra eppoi diventa lamadresuperiora.

chenfatti navorta denotte sò rientrato accasa e oddato nacapocciata che cuasi morivo. era er lato oscuro della porta.

venticuattropm’aggiodumileccincue

(Warner Moderno sala3. anteprima blindata supervip, terza fila centrale. Nani, ballerine e il gota televisivo in sala. Gadgets e snacks per non farsi mancare proprio nulla)





Recinzione “Guerre stellari”

16 12 2007

un classico tra le Recinzioni Opera Omnia:

gueresperlari avendetta daasip

Gueresperlari avendetta daasip

“NELLO SPAZZIO DRENTO A STE CORAZZE, MACCOME VUOI CHE VADA? NUN C’E’ BENE, GRAZIE”

Chenfatti ancora nunsecapisce bene seccuesto firm è erpimio erseconno lottavio chenfatti noospazzio lorologgi sorotti e laggente dimolo pure fà umpò come iepare chenfatti cestanno uregazzetto stranito e fratecionfoli che sò i guerieri me pare de rieti che combattono collespade daabeghelli allora loro sobboni mappoi però eregazzetto ancerto momento sesente umpò fiiodenamignottaspazziale mannò tantissimo allora infatti poi cestanno lebattaiie teribbili e cionfoli ie dice a eregazzetto stranito come te senti? e eregazzetto ie dice tu me conosci danaspetto solo ma io sò umpezzo demmerda io mò te lodichio che navorta offatto napuzza sullascenzore teribbile chenfatti perché seconno te ernano è verde? allora fratecionfoli ie dice no! maché davero? sei popo unfiiodenamignottaspazziale! maspettavo detutto daté che potevi pure diventà frocio mannò daalazzio afiiodenamignottaspazziale! maché davero? allora poi succedono lelotte spazziali e eregazzetto stranito prima lofanno alla piastra eppoi diventa lamadresuperiora.

chenfatti navorta denotte sò rientrato accasa e oddato nacapocciata che cuasi morivo. era er lato oscuro della porta.

venticuattropm’aggiodumileccincue

(Warner Moderno sala3. anteprima blindata supervip, terza fila centrale. Nani, ballerine e il gota televisivo in sala. Gadgets e snacks per non farsi mancare proprio nulla)